Ccnl Artigiani Alimentari Panificatori | Rinnovo

Per i dipendenti dalle imprese artigiane alimentari e della panificazione è stato siglato un accordo per il rinnovo del CCNL. Di seguito le principali novità.

Una tantum
A copertura del periodo di carenza contrattuale (1° gennaio 2019 – 31 ottobre 2021) ai soli lavoratori in forza alla sottoscrizione dell’accordo 6 dicembre 2021 è erogato un importo una tantum pari a € 140, suddivisibile in quote mensili, o frazioni, in relazione alla durata del rapporto nel periodo interessato.
L’erogazione avverrà con le seguenti modalità:
– € 70 con la retribuzione di febbraio 2022;
– € 70 con la retribuzione di aprile 2022.
Agli apprendisti l’importo è corrisposto, alle medesime decorrenze, nella misura del 70%. L’una tantum è comprensivo dei riflessi sugli istituti retributivi diretti e indiretti, di origine legale o contrattuale ed è esclusa dalla base di calcolo del t.f.r.

 

L’accordo stabilisce i seguenti incrementi della retribuzione tabellare:

Livelli

Prima Tranche aumento dal 1° novembre 2021

Retribuzione tabellare al 1° novembre 2021

Seconda Tranche aumento dal 1° marzo 2022

Retribuzione tabellare dal 1° marzo 2022

Terza Tranche di aumento dal 1° luglio 2022

Retribuzione tabellare dal 1° luglio 2022

Quadro

41,78

2.178,85

39,17

2.218,02

19,58

2.237,60

1

37,51

1.956,26

35,17

1.991,43

17,58

2.009,01

2

34,34

1.790,87

32,19

1.823,06

16,1

1.839,16

3

32

1.668,85

30

1.698,85

15

1.713,85

4

30,27

1.578,50

28,38

1.606,88

14,19

1.621,06

5

29,03

1.514,11

27,22

1.541,33

13,61

1.554,94

6

27,69

1.444,20

25,96

1.470,16

12,98

1.483,14

7

25,91

1.351,19

24,29

1.375,48

12,14

1.387,62

 

Lavoro straordinario, festivo e notturno: Dal 1° dicembre 2021 le maggiorazioni per lavoro straordinario, notturno, festivo e domenicale saranno calcolate sulla retribuzione globale di fatto. 

Lavoratrice madre e notturno: La lavoratrice madre o il padre mono-affidatario potranno richiedere un prolungamento del periodo di esenzione dal lavoro notturno per un periodo di 6 mesi continuativi, a partire dal 3° anno di vita del bambino.

Inoltre sono state introdotte novità in tema di Maternità, Lavoro a termine, Lavoro intermittente
(introdotto in via sperimentale fino al 31 dicembre 2023).


Daremo attuazione a quanto di nostra competenza e siamo a disposizione per chiarimenti.

Distinti Saluti.

 

 

Foto di Rene Strgar da Pexels